Istituzione Biblioteca Comunale "Romolo Bellatreccia" - Corso Umberto I, n. 26 - 01037 Ronciglione (VT) - Tel. 0761/627537
www.bibliotecaronciglione.it             info@bibliotecaronciglione.it 

Istituzione Biblioteca Comunale

"Romolo Bellatreccia"

Informazioni sul DVD

Torna indietro
Vai alla Vetrina dei Dvd

CONSIGLIATO!

Copertina  
Titolo: PERSEPOLIS

Regista: Marjane Satrapi, Vincent Paronnaud

Genere: CARTONI ANIMATI

Persepolis è il titolo di un fumetto storico/autobiografico, scritto e disegnato da Marjane Satrapi. L'opera narra la vita dell'autrice, dall'infanzia trascorsa in Iran sino all'età adulta.
Teheran. La piccola Marjane, a 9 anni ha già sviluppato un carattere ribelle e anticonformista che le fa rifiutare le rigide regole della società iraniana. È attraverso i suoi occhi che vediamo distrutte le speranze di un popolo quando i fondamentalisti prendono il potere, imponendo il velo alle donne e imprigionando migliaia di oppositori. Intelligente e impavida, la piccola Marjane aggira il controllo sociale dei «tutori dell'ordine» scoprendo il punk, gli Abba e gli Iron Maiden. Ma dopo l'insensata esecuzione di suo zio, e sotto i bombardamenti della guerra Iraq/Iran, la paura diventa una realtà quotidiana con cui fare i conti. Crescendo, Marjane si fa sempre più temeraria, e i genitori temono per la sua sicurezza. Così, quando compie 14 anni, decidono di mandarla a studiare in Austria. Vulnerabile e sola in un paese lontano, Marjane si trova ad affrontare i problemi dell'adolescenza. Nel frattempo, deve anche combattere i pregiudizi di chi la identifica proprio con quel fondamentalismo religioso e quell'estremismo che l'hanno costretta a fuggire. Col tempo, riesce a farsi accettare e incontra perfino l'amore, ma dopo il liceo si ritrova da sola e con una gran nostalgia di casa. Benché questo significhi mettersi il velo e vivere sotto una dittatura, Marjane decide di tornare in Iran per stare con la sua famiglia. Dopo un difficile periodo di adattamento, entra in un Istituto d'arte e poi si sposa, senza mai smettere di denunciare le ipocrisie di cui è testimone. A 24 anni, però, pur sentendosi profondamente iraniana, capisce di non poter più vivere in Iran. È così che prende la drammatica decisione di lasciare il proprio paese per la Francia - piena di speranze per il proprio futuro, ma segnata in modo indelebile dal proprio passato.
Candidato al Golden Globe 2008 come miglior film straniero - Candidato all'Oscar 2008 come miglior film d'animazione.

recensioni Scrivi una recensione