Istituzione Biblioteca Comunale "Romolo Bellatreccia" - Corso Umberto I, n. 26 - 01037 Ronciglione (VT) - Tel. 0761/627537
www.bibliotecaronciglione.it             info@bibliotecaronciglione.it 

Istituzione Biblioteca Comunale

"Romolo Bellatreccia"

Informazioni sul Libro

Torna indietro
Vai alla Vetrina dei Libri

CONSIGLIATO!

Copertina  
Titolo: IL COMMISSARIO MONTALBANO. LE PRIME INDAGINI

Autore: Camilleri Andrea

Genere: GIALLO

Editore: SELLERIO

In questo volume sono raccolti i primi tre polizieschi con il commissario Montalbano protagonista. Andrea Camilleri ne ha scritti in seguito altri nove. La forma dell'acqua: Il primo omicidio letterario in terra di mafia della seconda repubblica - un omicidio eccellente seguito da un altro, secondo il decorso cui hanno abituato le cronache della criminalità organizzata - ha la forma dell'acqua Prende la forma del recipiente che lo contiene. E la morte dell'ingegnere Luparello si spande tra gli alambicchi ritorti e i vasi inopinatamente comunicanti del comitato affaristico politico-mafioso che domina la cittadina di Vigàta, anche dopo il crollo apparente del vecchio ceto dirigente. Questa è la sua forma. Ma la sua sostanza (il colpevole, il movente, le circostanze dell'assassinio) è più antica, più resistente, forse di maggior pessimismo: più appassionante per un perfetto racconto poliziesco. Il cane di terracotta: Il solito delitto di mafia, misterioso e intricato, a Vigàta, cittadina fantastica e metaforica in terra di Sicilia, dove Camilleri ambienta il suo secondo romanzo giallo, con protagonista il commissario Montalbano. Ma stavolta, in coda al delitto di mafia, se ne trova un altro, più conturbante e rituale: due cadaveri di giovani amanti abbracciati, nel doppio fondo di una grotta, sorvegliati da un enorme cane di terracotta. Un omicidio di cinquant'anni prima. Il ladro di merendine è il terzo «giallo» di Camilleri ad avere come protagonista Salvo Montalbano, il commissario di stanza a Vigàta, «il centro più inventato della Sicilia più tipica». Questa volta Montalbano - preoccupato peraltro di evitare la promozione a vicequestore, che significherebbe compromissione burocratica e rinuncia ai propri capricci investigativi - sospetta l'esistenza di un collegamento tra due morti violente: quella di un tunisino imbarcato su di un motopeschereccio di Mazara del Vallo e quella di un commerciante di Vigàta accoltellato dentro un ascensore.



recensioni Scrivi una recensione